F.A.Q.

Domande e Risposte frequenti

In questa sezione troverai una serie di risposte alle domande più frequenti che ci vengono poste dagli utenti e dai visitatori.

Se non trovi quello che stavi cercando, scrivici a info@parcotaburno.it, cercheremo di dare una risposta in breve tempo e se la tua domanda sarà ritenuta di pubblica utilità verrà inserita in questa sezione.

 

  • Quando è aperto il Parco?

L’Area Parco ha un’estensione di 12.370 ettari, con una popolazione di circa 35.000 abitanti e comprende 14 Comuni. I confini del Parco non sono recintati: il territorio si può visitare liberamente nel rispetto dei regolamenti in qualsiasi orario e giorno dell’anno.

  • È necessario prenotare per accedere all’Area Parco?

Non è prevista nessuna prenotazione per accedere all’Area Parco e NON è stato istituito un numero chiuso.

  • È vero che posso incorrere in sanzioni?

Si, se non si rispettano le norme previste dalle leggi in materia e in particolare dal Regolamento delle sanzioni, i trasgressori saranno puniti con una multa.

  • Quali sono i sentieri percorribili del Parco?

Il Parco garantisce la percorribilità di molti sentieri opportunamente tracciati e segnalati: una ricca rete di percorsi escursionistici si sviluppa per oltre 100 chilometri. Questa ricchezza di sentieri consente di apprezzare e visitare tutto il territorio grazie ad itinerari escursionistici con diversi livelli di difficoltà e punti di interesse: natura, paesaggio del vino, storia, cultura e spiritualità.
La mappa dei sentieri è consultabile sul sito dell’Ente Parco.

  •  Esiste una app per smartphone e tablet con la descrizione dei sentieri?

Attualmente no, ma l’Ente Parco la sta realizzando e sarà disponibile prossimamente scaricandola da Apple Store o da Google Play.

  • Dove posso soggiornare nel Parco?

Coloro che intendono soggiornare all’interno del territorio dell’area protetta possono scegliere un’ampia lista di strutture ricettive che hanno intrapreso insieme all’Ente Parco un percorso di qualità nel rispetto dell’ambiente e dell’identità locale. Per consultare meglio le strutture presenti nei 14 comuni del parco, basta cliccare sulla sezione “VISITA IL PARCO – OSPITALITA’”

  • Cosa fare in caso di emergenze?

In caso di incidenti sui sentieri, avvistamento diretto sul territorio di un incendio boschivo, frana, abbandono rifiuti, e altre calamità, attenersi alle disposizioni previste contattando i numeri di emergenza nazionali.  Il Numero Unico Europeo d’emergenza 112: riceve tutte le chiamate d’emergenza per poi smistarle a Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco e Soccorso sanitario.

  • Posso campeggiare all’interno del Parco?

È possibile campeggiare nel Parco ma solo nelle aree autorizzate e secondo le modalità previste dal Regolamento per le attività di campeggio e pernottamento all’aperto.

  • Si possono raccogliere fiori, piante e frutti?

Nel territorio del Parco è vietata la raccolta e il danneggiamento della flora spontanea e del bosco. Sono consentiti il pascolo e la raccolta dei prodotti del sottobosco, nel rispetto delle normative, degli usi civici e del regolamento per la raccolta dei prodotti del sottobosco dell’Ente Parco. Si precisa che per la raccolta dei funghi e tartufi occorre rispettare le leggi ed i Regolamenti che ne disciplinano la raccolta.

  • Si può dare da mangiare alla fauna selvatica?

No.

en_GBEnglish